23 ottobre

Mercoledì 23 ottobre 2013

Il Signore Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava
loro potere sugli spiriti impuri.


*«E ordinò loro di non prendere per il viaggio*
*nient’altro che un bastone:*
*né pane, né sacca, né denaro nella cintura;*
*ma di calzare sandali e di non portare due tuniche»*
E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete
partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi
ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come
testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si
convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li
guarivano.
(Marco 6, 8-9)

Riuscire a vivere la propria vita senza preoccuparsi del domani è uno dei
doni più grandi che il Signore ci possa fare.
Non si tratta solo delle cose materiali, ma anche di ciò che ci può
capitare affettivamente e con il passare del tempo.
Quando riusciamo a vivere ogni giorno per quello che è, mettendoci tutto
ciò che di buono possiamo, senza preoccuparci del domani, acquistiamo una
libertà interiore da cui nasce solo pace.
Il futuro è nelle mani di Dio e Lui sa che cosa è meglio per noi.

Buona giornata!
Francesco

Joomla templates by a4joomla